Il nostro sito web fa uso di cookies di terze parti. Per le informazioni sul loro funzionamento e sulle modalità di disabilitazione si veda la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Leggi di più.OK

Qualche aggiornamento dopo il Polymer Dev Summit

di Denis Torresan

Dal Polymer Dev Summit, siamo tornati a casa carichi di idee e informazioni che dobbiamo necessariamente riordinare e mettere a frutto.

Il focus del summit era ovviamente il lancio di Polymer 2.0, di cui riportiamo il Keynote di apertura di Taylor Savage, Program Manager del progetto Polymer:

Dobbiamo fare i complimenti a Google per l’organizzazione dell’evento, studiato nei minimi particolari, per farci sentire protagonisti e non semplici ospiti.

Per chi fosse interessato, l’intero evento è stato filmato, e i singoli speech sono disponibili alla seguente playlist.

Molto interessanti sono stati anche i CODELABS, speech di 40-50 minuti con esercizi passo-passo per realizzare qualche funzionalità, un interessante momento in cui mettere in pratica “live” quanto veniva proposto direttamente li, e con l’aiuto dello speaker, sempre disponibile a rispondere alle svariate domande che inevitabilmente venivano poste.

Abbiamo già iniziato a mettere a frutto le informazioni apprese durante i due giorni, infatti questa settimana è iniziata la migrazione a Polymer 1.7, passo necessario prima del passaggio definitivo a Polymer 2.0.

Avevamo infatti il dubbio su quale potesse essere l’approccio più corretto per il passaggio alla 2.0, e da un rapido confronto con il team di sviluppo è emerso che il passaggio intermedio è la strategia che loro stessi hanno utilizzato per procedere alla migrazione delle loro applicazioni (sia interne che pubbliche).

Polymer 2.0 infatti è stato pensato proprio per poter essere retro compatibile e realizzare applicazioni “ibride”, in grado di funzionare con componenti 1.x e 2.x contemporaneamente. L’approccio della versione 2.0 ha cambiato in parte alcune modalità di sviluppo, ma proprio per evitare il trauma, di dover riscrivere completamente il codice, la strategia che loro consigliano è proprio quella di passare alla versione 2.0 del framework, mantenendo il codice applicativo “as is”, potendo quindi completare la migrazione con rilasci intermedi senza dover attendere che tutto il codice prodotto sia stato migrato al nuovo framework.

Sarà comunque un momento di revisione dell’intera architettura, ma siamo sicuri di poter rilasciare in breve tempo la migrazione dell’interfaccia all’ultima versione di Polymer, in modo da mantenere costantemente aggiornato il nostro prodotto.

A presto!